Come prendersi cura dei bicchieri in vetro - Weissestal

Come prendersi cura dei bicchieri in vetro

I tuoi bicchieri in vetro meritano un trattamento accurato, soprattutto se colorati e se decorati con serigrafie. I lavaggi sbagliati in lavastoviglie oppure l'utilizzo di acqua troppo calda e di spugne abrasive possono compromettere la brillantezza e la durata dei colori. 

Vediamo insieme come prendersi cura dei bicchieri in vetro, per non sbagliare più il lavaggio e per dedicare loro la giusta attenzione, in modo da avere sempre sulla tavola un servizio in perfetto stato. 

In lavastoviglie

  • Per evitare che il colore perda brillantezza è preferibile lavare i bicchieri a basse temperature (45-50 gradi), con cicli brevi e senza detersivi aggressivi. 
  • Ove possibile, utilizzare il programma apposito dedicato al lavaggio dei bicchieri.
  • Svuotare e sciacquare i bicchieri qualora presentino residui di bevande all'interno prima di disporli nella lavastoviglie per il lavaggio. Gli acidi presenti, ad esempio, nei succhi di frutta, possono alterare la qualità dell'acqua e quindi il lavaggio stesso. 
  • Occorre prestare la massima attenzione anche nel caricamento della lavastoviglie: i bicchieri (e i calici) devono avere tra di loro uno spazio sufficiente per non cozzare e per non urtare a loro volta altri oggetti, come posate o tazze, in modo da evitare sbeccature o danni. 
  • Per il lavaggio in lavastoviglie dei bicchieri è necessario posizionarli nel cestello superiore e utilizzare gli appositi sostegni, anche per i calici, in modo che non si spostino durante il lavaggio. 
  • Per evitare macchie e opacità sulla superficie dei bicchieri è consigliabile utilizzare acqua dolce o a basso contenuto di minerali. 
  • Assicurarsi che il brillantante sia dosato nel modo corretto.
  • Una volta terminato il ciclo di lavaggio, aprire lo sportello della lavastoviglie per far fuoriuscire il vapore caldo, in modo da evitare il rischio di opacizzazione della superficie dei bicchieri. 
  • Nel caso di bicchieri e calici colorati, per preservare il più a lungo possibile il colore e la sua brillantezza, tuttavia, si raccomanda il lavaggio a mano, evitando l'utilizzo di spugne abrasive. Sporadici lavaggi in lavastoviglie, se eseguiti con le dovute accortezze, possono comunque essere effettuati. 

A mano

  • Per lavare a mano i bicchieri occorre utilizzare acqua non troppo calda, una spugna morbida e un detersivo delicato di buona qualità. Infine, risciacquare con cura. 
  • Evitare l'utilizzo di spugne abrasive, che potrebbero danneggiare sia il colore sia la decorazione dei bicchieri o dei calici. 
  • Una volta terminato il lavaggio a mano, occorre procedere anche con un'accurata asciugatura, per evitare aloni o opacizzazioni dei bicchieri. 
  • Per l'asciugatura dopo il lavaggio a mano dei bicchieri è preferibile utilizzare panni morbidi in microfibra, da lavare periodicamente senza l'utilizzo di ammorbidenti.  
  • Non tenere i calici per lo stelo in fase di asciugatura, per avere una maggiore sicurezza ed evitare cadute accidentali. 
  • Non fare asciugare i bicchieri e i calici a testa in giù su superfici metalliche onde evitare spiacevoli sbeccature e opacizzazioni degli articoli. 
  • Sarebbe consigliabile evitare il trattamento con prodotti acidi come aceto o acido citrico. 

I bicchieri e i calici Weissestal sono tutti realizzati al 100% in Italia con materiali di qualità. Dunque, prendersi cura di loro diventa un vero atto d'amore per preservarne la durata, in modo che siano sempre tra i principali protagonisti della tavola senza mai perdere la loro bellezza. 

Attenzione: 

i bicchieri e i calici in vetro trasparente Weissestal possono essere lavati in lavastoviglie con le dovute accortezze, mentre per i bicchieri e i calici in vetro colorato, per preservare il più a lungo possibile il colore e la sua brillantezza, si consiglia nell'uso quotidiano il lavaggio a mano degli articoli, evitando l'utilizzo di spugne abrasive e sostanze acide.

Dal blog

Tutta l'eleganza del colore con la linea Joy

Dal blog

Natural, dove materia e sensazione si fondono insieme

Dal blog

Ispirazioni per la tavola estiva